Calcolo dell’aw – I parte

in Ingredients/Products/SCIENCE

Dopo un pò di tempo siamo tornati a parlare di attività dell’acqua (aw). Questa volta vogliamo aggiungere un tassello unendo la teoria alla pratica e introducendo esempi di calcolo che potrebbero servire nella fase di progetto per lo sviluppo di un nuovo prodotto.

Come poter predire il valore di aw in assenza di specifica strumentazione?

Negli anni si sono susseguiti molti studi che hanno permesso di elaborare diversi algoritmi utili a tale scopo, dai sistemi alimentari semplici fino a quelli più complessi. Con particolare riferimento ai primi, le equazioni di Norrish, di Gibbs-Duhem e di Ross, fanno al caso nostro.

Equazione di Norrish

norrishEquazione di Gibbs-Duhem per un solo soluto in acqua

gibbs duhem
Equazione di Gibbs-Duhem e di Ross per due o più soluti in acqua

gibbs_duhem_2ross

Prendendo spunto da quanto fatto qui abbiamo voluto procedere con ulteriori prove che in parte riportiamo di seguito:

tabella awL’ aw è stata approcciata analizzando strumentalmente le diverse soluzioni acquose impiegando, in questo caso, 3 diversi soluti a diverse concentrazioni e combinazioni: saccarosio (S), destrosio (D) e cloruro di sodio (NaCl). Parallelamente, basandoci su diverse fonti bibliografiche, l’indagine si è concentrata sulla verifica matematica dei dati sperimentali.

Per le soluzioni con un solo componente

calcolo_aw_monocomponente mentre per quelle multicomponente, si procede trattando ogni soluto come se fosse l’unico in miscela

calcolo_aw_multicomponente

moltiplicando successivamente tra loro i valori di aw ottenuti

aw_soluzione_completaNel prossimo post relativo all’attività dell’acqua vedremo lo svolgimento numerico per la soluzione “D (29%), S (19%), NaCl (4,8%)” ed entreremo con più dettaglio in questo affascinante argomento.

 

Let’s food together!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Ingredients

I prebiotici

Il concetto di prebiotico è stato introdotto a metà degli anni novanta da

I probiotici

Con finalità contrapposte a quelle degli antibiotici, i probiotici (dal greco pro
Go to Top