Creta

in Cultures and Trends/WORLD

Siamo a Creta, una delle più estese isole del Mediterraneo, dove il cibo è parte centrale della cultura di questa terra che alla perfezione si integra con i paesaggi incanteovoli, l’acqua cristallina e i profumi inebrianti.

Insieme a Italia, Spagna e Marocco, la Grecia è considerata la culla della dieta mediterranea, un modello nutrizionale, se pur con qualche variazione, caratterizzato dall’impiego bilanciato e non restrittivo di alimenti tipici di queste aree: cereali integrali, frutta, noci, semi, verdura, legumi, olio extra vergine di oliva, yogurt, pesce, uova e acqua. Presenti anche carne, formaggio e vino, per i quali l’uso è più moderato.

Frequenti e ben forniti i piccoli negozi che espongono frutta fresca e qualche curiosità, come il “Cretan pink-orange lemon”, arrivato dalla località di Chania.

Numerosi gli antipasti e le sfiziosità che appagano la vista e stimolano l’appetito. Tra gli altri, i Dakos (qui sopra), che ricordano in qualche modo le nostre “bruschette”, sono un vero e proprio concentrato di gusto. Pane croccante, pomodoro, feta, origano e olio extra vergine di oliva.

Il miele di timo ed erbe selvatiche è tra i più diffusi sull’isola ellenica. E’ utilizzato in maniera diffusa, sia come dolcificante su macedonie e dolci, che come ingrediente caratterizzante di specialità tipiche, tra le quali si possono citare la dolce frutta glyka tou koutaliou (qui sotto), il liquore rakomelo e il dolce xerotigana.

I mercati offrono cibo di qualità elevata, fresco e a prezzi competitivi. La varietà con la quale ciascun alimento si presenta, permette di alternare giorno dopo giorno la propria scelta e, sia le spezie che le conserve, completano il tutto rendendolo ancora più gustoso.

Olive fermentate, in salamoia, sott’olio e in agrodolce accompagnano i formaggi tipici che insieme ben rappresentano i sapori e i profumi intensi dell’isola: mizithra, pichtogalo, fefalograviera, malaka e ladotiri solo per citarne alcuni.

Sull’isola di Creta tutto appaga i sensi. Quelli più stimolati sono senza dubbio la vista, dai paesaggi mozzafiato e dal colore del mare,  l’olfatto, dai profumi intensi e avvolgenti, e il gusto, dai sapori ricchi e autentici.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Cultures and Trends

Brexit e food

Il momento è arrivato a fine del mese scorso. La mezzanotte del

Energy drinks

Insieme e cronologicamente successiva alla “sugar-levy“, la proposta per il divieto di vendita

Giordania

Inserita nella regione storica della mezzaluna fertile, considerata anche la culla della
Go to Top