The colour inside

in Ingredients/Products/SCIENCE

Il mondo dei colori presenti in natura è tanto vario quanto affascinante. E’ inoltre interessante scoprire che alcune sostanze sono presenti, sia pur in forme e colori diversi, tanto nel mondo animale che in quello vegetale. Un esempio su tutti: l’emoglobina e la clorofilla hanno una struttura chimica di base praticamente uguale (anello tetrapirrolico).

alimenti colorati

Quali sono le sostanze associate ai colori di frutta e verdura? A seguire riportiamo indicazioni relative ai principali e forse i più famosi, composti coloranti presenti nei cibi e quali siano le tonalità relative percepite. Verrà indicato il gruppo di appartenenza, la sostanza con proprietà coloranti e il colore associato alla stessa.

Porfirine: clorofilla, verde.
Carotenoidi: caroteni, giallo-rosso; xantofille, giallo.
Flavonoidi: antociani, blu-rosso; flavonoli, giallo chiaro; flavoni, bianco crema.
Fenoli: naftachinoni, rosso-blu-verde; antrachinoni, rosso-viola; tannino, marrone-rosso.
Indigoidi: betalaine, giallo-rosso; fecomelanine, marrone.
Pirimidine: flavine, giallo.

Inoltre, se pur semplificando, possiamo dire che “sostanze colorate dalla natura = attività antiossidante nell’organismo”. Risiede anche in questa equazione il motivo di tanta importanza nel fornire quotidianamente all’organismo umano le giuste porzioni di frutta e verdura.

Colori belli, sfumature spettacolari e delizia per gli occhi. Anche se ai colori associamo queste caratteristiche e prevalentemente visioni “positive”, in alcuni casi il colore ci informa sullo stato “negativo” dell’alimento. Pensiamo ad una mela marcia: il tipico colore marrone ci induce a rifiutare o a eliminare la parte danneggiata. E’ proprio il caso di dire che la natura non finisce mai di stupirci!

 

Let’s food together!

7 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Ingredients

I prebiotici

Il concetto di prebiotico è stato introdotto a metà degli anni novanta da

I probiotici

Con finalità contrapposte a quelle degli antibiotici, i probiotici (dal greco pro
Go to Top