Vitamina D: carenza e deterioramento cognitivo

in NUTRITION

Diversi studi hanno riportato come l’assunzione con la dieta e le concentrazioni sieriche di vitamina D e colesterolo siano correlate con il deterioramento cognitivo lieve (MCI, Mild Cognitive Impairment) e la comparsa il morbo di Alzheimer (AD. Alzheimer Disease). Tuttavia, sulla funzione cognitiva non si è ancora stabilito se ci sia e quale sia la correlazione con la 25 idrossivitamina D [25(OH)D], i lipidi e gli ossisteroli.

I risultati dello studio pubblicati sul The Journal of Nutrition hanno identificato differenze significative nelle concentrazioni sieriche di Vitamina D [25(OH)D] tra i pazienti con deterioramento cognitivo lieve (MCI) e i controlli (cognitivi sani) e una correlazione tra le concentrazioni sieriche di 25(OH)D, lipidi e ossisteroli con il deterioramento cognitivo tra le persone.

L’articolo completo è disponibile al seguente link: The Journal of Nutrition

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments