Profumi di cous cous

in Cultures and Trends/WORLD

Siamo quasi agli sgoccioli dell’estate e capita di ritrovarsi fra amici, colleghi e parenti a parlare delle proprie vacanze, del mare blu della Grecia, dei parchi incontaminati del Canada, della movida spagnola, dell’abbondanza di Marrakesh. Racconti tutti diversi di posti incantevoli ognuno per motivi differenti, ma questi racconti hanno spesso un denominatore comune: il cibo. Ci piace viaggiare, conoscere, scoprire, ma puntualmente rimpiangiamo la nostra ottima cucina!

Sarà per questo motivo, sarà per la crisi, ma molti come noi hanno deciso di passare le proprie vacanze nel bel Paese. La nostra scelta è stata la Sicilia alla ricerca di panorami mozzafiato, acqua cristallina e tradizioni culinarie che tutto il mondo ci invidia. Sulla cucina e sui piatti tipici siciliani ce ne sarebbe da parlare davvero molto ma ci soffermeremo su un piatto in particolare, una tradizione che in realtà proviene da lontano ma che si è radicata ed evoluta e che a San Vito lo Capo, nella provincia di Trapani, da vita a un festival che attira amanti della buona cucina da tutto il mondo: il cous cous. Il festival è il “Cous Cous Fest” che quest’anno si terrà dal 24 al 29 settembre.

Il locale scelto per degustare questo piatto che già conosciamo e amiamo è il ristorante dell’hotel Ghibli di San Vito lo Capo (TP) che dal nome ci ha subito conquistato, il “Profumi di Cous Cous”.

Profumo di Cous Cous

L’atmosfera è elegante e suggestiva, ci accoglie da subito un bancone da cocktail coloniale molto raffinato prima di entrare nel locale arredato richiamando lo stile arabo. All’interno si trova un giardino nel quale si respira la tipica aria della Sicilia cenando sotto gli alberi di limone fra luci soffuse. Un mix raffinato di colori e forme.

Profumo di Cous Cous

Il personale attento e veloce ci presentata un menù con una proposta molto ampia di Cous Cous, la nostra scelta è ricaduta sui piatti di seguito elencati dei quali siamo rimasti sopraffatti dai sapori, dai colori e dal profumo. La particolarità di tutti i Cous Cous è che vengono serviti con un brodo a parte abbinato agli ingredienti del piatto che serve di tanto in tanto per innaffiare ed ammorbidire la pietanza.

Cous Cous Rais

Cous Cous Rais, con pesto di Agrumi, mandorle, melanzane e filetti di tonno fresco con brodo.

Eruzione di cous cous

Eruzione di Cous Cous, al nero di seppia e ricci di mare, con brodo. Il preferito della nostra degustazione, oltre che per il sapore, per la fantasia e il nome azzeccatissimo. Il Cous Cous al nero di seppia richiama perfettamente la pietra lavica e i ricci di mare (squisiti) danno veramente l’idea della lava dell’eruzione di un vulcano.

Cous cous trinacria

Cous Cous Trinacria, con pesce spada, noci e uovo di San Pietro (a destra).

Cous Cous a base di pesce e tranci di dentice, con gamberi e calamari fritti, brodo di pesce.

Cous Cous a base di pesce e tranci di dentice, con gamberi e calamari fritti, brodo di pesce.

Let’s cous cous together!

Cristina Martinelli si occupa di Design della Comunicazione. Dal 2011 su FOOD in progress dove scrive di food design, di food photography, di nuove idee e concept legate all'appassionante mondo del cibo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Cultures and Trends

Brexit e food

Il momento è arrivato a fine del mese scorso. La mezzanotte del

Energy drinks

Insieme e cronologicamente successiva alla “sugar-levy“, la proposta per il divieto di vendita

Giordania

Inserita nella regione storica della mezzaluna fertile, considerata anche la culla della
Go to Top