Polidestrosio

in DICTIONARY/E numbers

Polidestrosio (Ita), Polydextrose (Eng), Polydextrose (Fra), Polidextrosa (Esp), Polydextrose (Deu).

Categoria funzionale: low-calorie bulking agent (sugar replacer), agente umettante, agente di copertura, viscosizzante, anti cristallizzante, stabilizzante.

Numero E: 1200.

Numero CAS: [68424-04-4] (polidestrosio).

Formula bruta: (C6H10O5)n

Peso molecolare: 1200-2000 (valore medio per il food grade).

Forma: polvere fine, di colore chiaro, tendente al giallo-crema, priva di odore e con un gusto leggermente dolce. Disponibile commercialmente anche sotto forma di granulato e sciroppo.

Densità media (tapped, g/cm3): 0,7-0,8.

pH (soluzione acquosa al 10%): 2,5 – 7,0 (tra 5,0 – 6,0 per il polidestrosio -N).

Punto di fusione: 130-140 °C (transizione).

Solubilità (25 °C): altamente solubile in acqua (fino all’80% w/w) e solubile in etanolo.

Produzione: policondensazione sotto-vuoto del glucosio in presenza di sorbitolo in ambiente acido. Successive fasi di purificazione permettono di ottenere polidestrosio con gradi di purezza e caratteristiche chimico-fisiche e sensoriali diversi.

Definizione (dal Regolamento (UE) 231/2012 del 9 marzo 2012): polimeri di glucosio legati in modo randomizzato con alcuni gruppi terminali di sorbitolo e con residui di acido citrico o acido fosforico uniti ai polimeri tramite legami mono- o diesterici. Si ottengono per condensazione degli ingredienti e sono formati da circa 90 parti di D-glucosio, 10 parti di sorbitolo e 1 parte di acido citrico o 0,1 parti di acido fosforico. Nei polimeri predomina il legame 1,6- glucosidico, sebbene siano presenti altri legami. I prodotti contengono piccole quantità di glucosio libero, sorbitolo, levoglucosano (1,6-anidroD-glucosio) e acido citrico e sono neutralizzabili mediante qualsiasi base commestibile e/o decolorati e deionizzati per essere ulteriormente purificati. Inoltre, i prodotti possono essere parzialmente idrogenati
con catalizzatori al nichel Raney per ridurre il glucosio residuo. Il polidestrosio-N è un polidestrosio neutralizzato.

Impiego: con un valore nutrizionale pari a 1 kcal/g, il polidestrosio (un oligosaccaride) è spesso impiegato come “agente di riempimento” nei prodotti a ridotto apporto calorico e/o in parziale sostituzione degli zuccheri. Come “fibra dietetica”, può rientrare nella formulazione di particolari alimenti e, anche in considerazione delle sue caratteristiche, può contribuire a diminuire il carico glicemico dei prodotti nei quali è impiegato. Con un potere dolcificante estremamente basso (5-10) può essere utilizzato nei prodotti da forno per modularne la dolcezza conferendone corpo e, come umettante, per rallentarne i processi deteriorativi. Nel caso delle bevande, dove è possibile aere un pH acdio, il polidestrosio di dimostra essere piuttosto stabile (poco idrolizzato) anche a seguito di un trattamento termico quale la pastorizzazione (e.g., 70 °C per 10′) e UHT (e.g., 142 °C per 6-10″). In ambito confectionery, il polidestrosio si è dimostrato essere anche un valido “anti-cristallizzante” di zuccheri e polioli nelle caramelle dure (hard candies) dove, nelle versioni sugar-free, si trova spesso combinato con isomalto, lattitolo o maltitolo. E’ utilizzato come stabilizzante e testurizzante nei prodotti lattiero-caseari da frigo e freezer quali gelati, dessert and frozen cakes. In questi casi, oltre a contribuire al “corpo” del prodotto riducento la percentuale di zuccheri impiegati, contribuisce a limitare la formazione di cristalli di ghiaccio di grandi dimensioni favorendo la formazione di quelli più piccoli. Inoltre, con miscele che considerino l’impiego di polidestrosio a basso, medio e più alto peso molecolare, si possono ottenere risultati diversi in termini di mouthfeel, texture e abbassamento del punto crioscopico. Il comitato (Joint FAO/WHO Expert Committee on Food Additives (JECFA)) e la commissione (European Commission Scientific Committee for Food (EC/SCF)) ha definito come soglia lassativa media i 90 g/d (1,3 g/kg di peso corporeo) o i 50 g/d come singola dose.

Indicazioni sulla salute (dal Regolamento (UE) 432/2012 del 16 maggio 2012): vedi “sostituti dello zucchero“, pagina 36.

Limitazioni nel dosaggio d’impiego (dal Regolamento (UE) 1129/2011) a seconda dei casi nella misura dei mg/kgmg/l, seguono alcune indicazioni sui livelli massimi d’impiego consentiti. 11.4.2 edulcoranti da tavola in polvere, quantum satis. 11.4.3 edulcoranti da tavola sotto forma di compresse, quantum satis. 14.2.1 birre e bevande a base di malto, quantum satis (dal Regolamento (UE) 470/2012).

Limitazioni nel dosaggio d’impiego (dal Regolamento (UE) 1130/2011), quantum satis come coadiuvante negli additivi alimentari e negli enzimi; aditivi alimentari, compresi i coadiuvanti; additivi alimentari nei nutrienti.

Per approfondire:

Michele Mazzocco | food technologist | enthusiastic of food science, fun-mixed nutrition, new flavor sensations and nature inspired functional design

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimi articoli di DICTIONARY

Carragenina

Carragenina (Ita), Carrageenan (Eng), Carraghénanes (Fra), Carragenanos (Esp), Carrageen (Deu). Categoria funzionale: addensante,

Taumatina

Taumatina (Ita), thaumatin (Eng), thaumatine (Fra), taumatina (Esp), thaumatin (Deu). Categoria funzionale: esaltatore di

Sorbato di potassio

Sorbato di potassio (Ita), potassium sorbate (Eng), sorbate de potassium (Fra), sorbato

Acido malico

Acido malico (Ita), malic acid (Eng), acide malique (Fra), ácido málico (Esp),
Torna su